Please Wait...

Maria Carla Curìa – “Cleopatra moribonda” – Cantata a voce sola per Soprano e Basso Continuo – Giovanni Maria Bononcini (1642 – 1678) – WORLD PREMIERE RECORDING

by Luca

Maria Carla Curìa – “Cleopatra moribonda” – Cantata a voce sola per Soprano e Basso Continuo from the “Cantate a voce sola – Libro I – Bologna – 1677) – Giovanni Maria Bononcini (1642 – 1678) – WORLD PREMIERE RECORDING.
Centaurus Music Int. Studio Recording “Giovanni Maria Bononcini – Arde il mio Petto amante – Cantate” – WORLD PREMIERE RECORDING – ℗ 2010
Recorded in July 2009.
© Exclusive Copyright Luca Casagrande.

Maria Carla Curìa Soprano
M.° Filippo Ravizza Harpsichord
Creator, Artistic Director and Producer Luca Casagrande.

“Cleopatra moribonda”
Poesia del Sig. Dottor Giulio Cesare Grassetti
Lyrics by Giulio Cesare Grassetti
Music by Giovanni Maria Bononcini (1642 – 1678)

Per non calcar di Roma gl’aborriti confini
Da servili catene oppressa, e doma
Già de’ Marti Latini
La trionfante ognor venere altera,
Che su l’Egitto impera;
Prima che d’ora estrema rechi l’avviso
Ancor egro sopore,
Tal prorompe sfongando il suo dolore.

“Morrò, misera sì, vincesti ò sorte.
Che mi giova di fortuna
Il favor che non durò?
Bel destin di nobil cuna,
Se nel fin poi si cangiò?
Mio trofeo fu Pompeo, ma, che prò?
Ubbidì mie leggi amante
De’ Quirriti il Dittator
Un Triumviro imperante
Il mio cenno hebbe signore,
Sue vittorie fur mie glorie, mà, che prò?

Di Diane, di Febi mi vantai Genitrice,
Sovrana imperatrice,
Dove l’Indica Teti il sole indora
Vidi vassalla al mio voler l’Aurora;
Ad un cenno ridutti duo Mondi
À duellar scherzi de flutti.
Mà tutto, ah, che fu vano,
Non vinsi l’alma sol d’un Ottaviano.
Nulla più non sarà che mi conforte.

Morrò, misera sì, vincesti ò sorte.

Mà che pensi fortuna crudele
Contro d’Egizia grande Reina
Mortale rovina amando, incitando
D’ogni mia gloria poter trionfare? Esultare?
T’inganni, non appieno tuoi gusti tiranni sazierai,
ben ch’io sparga querele.

Mà che pensi fortuna crudele?

Schiava non mi vedrai
Seguir la trionfale pompa
Del tuo diletto Augusto il fiero,
Non con ciglio severo condurrà
Catenata Cleopatra animata.
Fia ‘l mio destin men duro,
Pur che la libertà meco ne porte.

Morrò, misera sì, vincesti ò sorte.

Non trarrò già scalzo il piè
Pellegrin nel Campidoglio,
Cui sul patrio Egizio soglio
Fù vassallo più d’un Rè.

Nò ch’avvinta non andrò
Ad ornar trionfo ingiusto:
Non vedrà sua serva Augusto,
Chi Monarchi già legò.

Sì che morrò da forte
Nò, schiava non sarò
S’hai vinto ò sorte.
Ahi; mà quante cagioni
essacerban pur troppo i miei martiri?
Figli, voi del mio bene,
cari pegni adorati, e di me stessa parti,
Parte più viva, e pur sarete
Spettacolo in mia vece
Di vil plebe Romana, Egizio gioco?
D’Africa il sol garzone, la Niliaca Diana
Fia che nudi, oh Destino,
annodi al Carro suo Marte Latino?

O dell’Aspe che l’seno m’ancide
Più cruccioso pensiero insofribile,
Pena orribile, ch’ogni spirto dal cor mi divide
E pria dello spirar mi dà la morte.

Morrò, misera sì, vincesti ò sorte.

Mà già con piè veloce
Sento avvanzarsi
Ad occuparmi il Tosco,
Vacilla omai la voce, lugubre testimone,
Ch’all’occaso vicin fian l’ore mie,
Tinti d’atro carbone
À miei lumi i suoi rai presenta il Die.
Ahi fasto, ahi gioie corte

Morrò misera sì, vincesti ò sorte”.

 

Comments

comments