Please Wait...

Luca Casagrande – “O dell’Anima mia” – Cantata for Bass and Basso Continuo – Antonio Cesti (1623 – 1669) – WORLD PREMIERE RECORDING

by Luca

Luca Casagrande – “O dell’Anima mia” – Cantata per Basso e Basso Continuo – Antonio Cesti (1623 – 1669) – WORLD PREMIERE RECORDING.

Luca Casagrande Baritone
M.° Filippo Ravizza Harpsichord.

Centaurus Music Int. LIVE Recording “Giovanni Legrenzi-Antonio Cesti – Amore e Virtù – Cantate- WORLD PREMIERE RECORDING” – ℗ 2007
Recorded at the S. Giorgio in Corneno Church of Eupilio (I) in March 2007.
© Luca Casagrande

Artistic Director Filippo Ravizza
Producer Luca Casagrande.

O DELL’ANIMA MIA

Lyrics by Anonymous – Music by Antonio Cesti (1623 – 1669)

O dell’anima mia,
Cintia dolce ristoro!
Cintia, benché tradito e vilipeso,
più tosto che dolermi
ecco ch’ io moro.
S’io t’amai, bella, il sai;
e poi ti basta questa
del mio affanno, del mio amore
prova chiara e manifesta
che per te Florindo more.
T’amai, Cintia, t’amai.
lo sa il Ciel, lo sai tu, lo sa il mio core.
Fu pudico l’ardore
e benché sempre girasse
ad altre fi amme il Ciel avverso,
pur non cangiò mai sempre
qual core di costanza,
qual rupe immota,
al soffi ar de’venti,
questo cor, questo petto,
fatto immobile scoglio
al vento de’sospiri,
all’onde de’tormenti.
Or ch’in braccio ad altro amante
tu riposi ed io qui peno,
che farò s’alle mie pene
non è scorta il tuo sereno?
Morirò, che più volete,
astri perfi di inclementi.
Nell’udire i miei lamenti
saziatevi, ridete!
E tu, Cintia crudele,
forse de’miei martiri ora ti ridi
e stringi il più di me
felice amante.
Appagati ben mio,
ridi de scorni miei,
bacia chi più t’aggrada!
Io che t’adoro,
amo alle tue gioie
anco i miei mali,
tormentosi e fatali;
ma fra tanti dolori
avrò questo ristoro
che se vissi per Cintia
or per lei moro.
Cintia, godi!
Co’suoi nodi
al cor soavi amor ti cinga,
t’annodi, ti stringa.
Mai t’aggravi empia sorte;
godi, Cintia, io volo a morte.

Comments

comments